sophieintroSophie the Parisian is a blog that reflects the lifestyle of a dynamic, working girl from Paris, showing off her free, curious, elegant, and modern personality. Culture, fashion, and events, all in a stylish setting! The protagonist Sophie is a Parisian from head to toe, who knows Paris and its way of life like the back if her hand. Her blog is a "French style" encyclopedia: fashion, gastronomy, culture... it brings a contemporary look at broader topics such as education, health, and nutrition through interviews of renowned specialists.

Visit Paris in the company of Sophie the Parisian and ten of her avatar friends, who each have their own specialty on the blog: Béatrice (cooking), Brigitte (social circle), Catherine (guide), Cécile (health & beauty), Chantal (children), Charlotte (fashion), Isabelle (spot light), Marion and Nicole (interior & design), and Maxime (culture). They are all experts in their sector.

These characters came to life under the pen of Nathalie Peigney, the soul of the blog and the creator of the Sophie the Parisian concept. Marketing consultant, journalist, and ex-fashion designer, she is guaranteed editorial quality. #sophietheparisian

ita

 

«Grazie a Maria Consiglio Visco Marigliano del Monte per avermi dato la possibilità di partecipare a questa trasmissione che esalta la nobiltà del saper vivere in un'epoca di volgarizzazione e di globalizzazione ad oltranza. La cultura e le tradizioni comuni ai nostri due Paesi, Italia e Francia, sono di eccezionale qualità e devono rimanere presenti in ogni atto della nostra vita», ci dice Nathalie Peigney. Lo sapevate che Parigi ha anche le sue spiagge e le parigine il loro art-de-vivre sulle spiagge? «Anche la spiaggia esige da noi il rispetto di norme e comportamenti dettati da educazione e buon gusto…"

ASCOLTA L'INTERVISTA

In an increasingly machine-oriented society, artists are even more interested in robots since artificial intelligence is shaping human lives and even artwork: its production, its exhibition, its diffusion, its conservation, its reception.

Ah, le “quenelles”, la adoriamo a Parigi! Tipiche della cucita tradizionale lionese, hanno a poco a poco invaso il menu delle brasseries (birrerie) parigine. Come capita a molte parigine, una parte della mia famiglia non è da Parigi. Con una nonna di Lione, le “quenelles” appartenevano al patrimonio gastronomico di famiglia. E, visto che era il mio piatto francese preferito, mia madre le preparava regolarmente in occasione del mio compleanno. Ecco la mia ricetta che, devo dire, piace molto ai miei amici americani e italiani.

Parigi realizzò allora le fortificazioni edificate da Thiers nel 1854. Con l’annessione, nel 1860,  di comuni periferici come Auteuil, le Batignolles, la Villette, Charonne, Haussmann diede vita alla suddivisione amministrativa attuale in 20 arrondissements, preoccupandosi di dividere alcuni comuni troppo facinorosi come Belleville. Questi nuovi quartieri ancora rurali allora si urbanizzarono: a popolarli vennero soprattutto gli operai, spinti ad andare via dai quartieri del centro,  a causa degli affitti saliti alle stelle…

Alessandra Ceriani ha realizzato le illustrazioni del libro “Sophie la Parigina, 103 cose per essere come lei” di Nathalie Peigney (Rizzoli). Le sue realizzazioni sono cosi vicine allo stile della parigina che abbiamo voluto saperne un po’ di più sulle sue fonti di ispirazione e sul suo legame con la Ville Lumière…

Come in un quadro di Pierre Soulages (noto come “il pittore nero” per la tonalità che predilige nelle sue opere), le tavole di Parigi si vestono di specialità e di alimenti neri come il carbone. Un effetto cromatico assicurato e veramente chic naturalmente, in perfetta sintonia con il tubino nero che indossano! Le parigine sono talmente sedotte dal nero, che dal nero è nata una grande quantità di ricette. Ecco la mia ricetta dei macaron al nero di seppia…

Un bel jeans merita, e soprattutto richiede, una cura e un mantenimento particolari. Ecco i consigli da Monsieur, la rivista maschile più antica del mondo (lanciata in Francia nel 1920 da Jacques Hébertot e Paul Poiret, riflette un “Art de Vivre all’insegna dell’Eleganza”, sempre fedele ai propri tempi). Ma, per prima cosa, un po’ di cultura jeans…

Why are Parisians so often seen sitting on a café terrace with a glass of Perrier and a slice of lemon, or going to the office with a big bottle of spring water sticking out of their bag? And at home, infusions and teas, whether or not for detox, feature prominently!

Il nero è un colore dalle mille potenzialità… dicono le parigine, facendo un assaggino di lenticchie nere beluga condite con un filo di aceto balsamico, e accompagnate da un vino “extra nero” di Cahors… il tutto, naturalmente, in perfetta sintonia con il tubino nero che indossano! Le parigine sono talmente sedotte dal nero, che dal nero è nata una grande quantità di ricette.

The charm of Parisians is as unmistakable as it is indecipherable ... Now a book explains their secret to us “ Sophie the Parisian, style tips from a true parisian Woman" (Rizzoli). "We don't look at the appearance," says the writer Nathalie Peigney. "What matters are self-esteem and savoir vivre". By Virginia Ricci for Io Donna magazine.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.