sophieintroHello,
I am Nathalie, the author of Sophie the Parisian's. But who is Sophie? She is a Parisian woman from head to toe. She knows Paris and its art de vivre like the back of her hand. She can talk and talk about Paris and the Parisian life and culture for hours: elegance, gastronomy, fashion, education, seduction, and personality of the so-called perfect Parisian woman.

Read more

Buongiorno,
Sono Nathalie, l'autrice di Sophie la Parigina. Ma chi è Sophie? E' una parigina dalla testa ai piedi e conosce Parigi e la sua art-de-vivre come le proprie tasche. Può comunicare e parlare per ore di Parigi, della vita e della cultura parigine, sa tutto dell’eleganza, della gastronomia, della moda, dell’educazione, della seduzione e della personalità di queste parigine da molti ritenute perfette... Attraverso questo sito e i suoi libri, Sophie svela ...

Scopri di più

“La parigina ha la fortuna di poter beneficiare da una quarantina d’anni dell’evolversi del ristorante parigino. Che sia il bistrot, il ristorante gastronomico o il piatto del giorno. A Parigi, c’è stata un’evoluzione straordinaria della cucina: qui il gusto è stato semplificato nel senso buono del termine: come risultato, abbiamo ottenuto un prodotto puro, ma sempre meno sofisticato e sempre più povero di materie grasse…

A partire dal 1830, Charles Christofle, orafo parigino, si dedica, sempre con eleganza e savoir-faire,    alla creazione di un’arte della tavola eccezionale, di gioielli raffinati, di accessori per la casa e per l’arredamento. Al di là dell’eccellenza nella lavorazione dell’argento, che ha contribuito al successo e alla notorietà di questa bella Maison, è grazie anche alla ricerca formale, alla cultura della rarità dei materiali, che nascono delle collezioni di opere di alto pregio…

Daniel Boulud is one of the Michelin-stared French chefs. He proudly represents France abroad. He mainly exercises his art in New York where he has several restaurants, including the gastronomic “Daniel”: a magnificent homage to great French cuisine. In the décor of the historic Mayfair hotel, his table draws all Manhattan high society…

Ma perché allora vediamo così spesso delle parigine sulle terrazze dei caffè, davanti a un bicchiere di acqua Perrier guarnito da una rondella di limone, o andare in ufficio con una bottiglia di acqua minerale che spunta dall’it-bag? E poi a casa, è tutto in trionfo di tisane e di tè, detox e no…

Il rosa è un colore prevalentemente femminile che incarna dolcezza e romanticismo! Spesso viene associato alla gioia, da qui deriva il popolare modo di dire “vedere la vita in rosa”. Vestirsi di rosa è quindi una buona idea per cominciare la giornata con la giusta dose di felicità… Vestirsi di rosa è sempre di moda, anche per la primavera…

Since 1764 Baccarat has written the chapters of its remarkable history in sparkling letters. Founded in Lorraine, by permission of King Louis XV, the world’s most famous Crystalworks has, over the ages, become a symbol of superb craftsmanship and French Art de Vivre. The name Baccarat reverberates like an echo of outstanding pieces, extraordinary places and unforgettable parties.

Perché il bellissimo Boulevard des Italiens a Parigi si chiama così? Come è nata l'idea di intitolare agli italiani una delle più importanti arterie cittadine?

The Parisian and her handbag…a love story over the centuries. It can be mini, just enough for a phone and a credit card although very often huge, heavy and an annex to our home. We love it. During a well-filled day, it even turns into a set of matryoshkas, the Balenciaga shopping bag housing a Fendi evening bag and, of course, a makeup bag, not forgetting the shoulder bag for things that have to be found quickly…

«Sì, è vero, esiste il piatto, ma esiste anche il momento che ci dona il nutrimento. Il piatto nutre molto facilmente lo stomaco, ma il luogo in cui mangiamo, le persone con cui mangiamo, il momento dello scambio, è proprio questo l’istante in cui a nutrirsi è la testa…

In France, serving wine is not simply a question of pouring a liquid into a glass. It’s a sign of refinement and breeding that takes savoir-faire. To a certain degree, it’s ceremonial, especially in Paris…

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.