Maxime - Art & Culture

Maxime - Art & Culture

Bonjour, my name is Maxime. I obtained my name because my grandmother always took me to Maxime’s in Paris for my birthday, always in the company of her best girlfriend! When I was fourteen years old, I was already enamoured with their Parisian chatter. Now, when with friends, I know everything about the art of invisible make-up and light cocktails! The Parisian really has a very distinct character: she’s surprising and interesting. And she’s so feminine! As for invitations, it a real task: each day Paris offers new exhibitions, previews and vernissages. With a Parisian, you absolutely have to be in the right place at the right time!

«Il mio Champagne preferito è il Louis Roederer Cristal ». La persona che mi ha invitato a bere un calice di champagne a La Societé, a Saint-Germain-de-Prés, mi guarda quasi in imbarazzo, non si aspettava che rispondessi con tanta precisone alla sua domanda sulle mie preferenze in fatto di champagne. Mi rendo conto di avere fatto una gaffe, perché proprio in quel momento una bellissima ragazza ci sta già servendo due calici di uno champagne che non è certo il Louis Roederer Cristal…

Tutto cominciò nel gennaio del 1686, alla corte di Francia, quando Luigi XIV si ammalò improvvisamente. Sembra che il Re Sole si fosse ferito sedendosi involontariamente sulla punta di una piuma che emergeva da uno dei cuscini della carrozza reale. 

Sapevate che ogni giorno, festivi compresi, arrivano all'Eliseo 1500/2000 lettere, via posta o via Internet, che vengono regolarmente evase da un centinaio di persone facenti parte dei circa 800 impiegati del palazzo? Per la cronaca, all'Eliseo lavorano anche 350 militari addetti all'ordine e alla sicurezza. L'Eliseo occupa un'area di oltre 11.000 m², di cui circa 300 destinati ad appartamenti privati. Contiene ben 365 camere e una gran parte di esse, 90 circa, sono sotterranee. Infine il parco ha una superficie di un ettaro e mezzo.

A great many people think that winter is synonymous with melancholy. The season ends the euphoria and softness of autumn and gives way to grey skies and somber landscapes. However, the Parisian sees things in a different light: she equates winter with the return of wonderful Parisian evenings, elegant vernissages and Beaujolais launchings. Whether on Avenue Montaigne, the top of the Eiffel Tower or in Montmartre, there’s no lack of wine-tasting evenings… This year, Beaujolais will be available on Thursday , November 15. Where should I take Caroline, my epicurean, fashion-conscious fiancée?

Until January 2019, the Fondation Louis Vuitton is featuring separate exhibitions of two painters linked by their fascinating intensity and brief, meteoric lives: Egon Schiele and Jean-Michel Basquiat. With a selection of 250 creations selected from their exceptional body of work, the Fondation Louis Vuitton celebrates the itineraries of the two artists who, says Suzanne Pagé, artistic director of the Foundation, “saw themselves as prophets of art and had extravagant virtuosity.” Today we shall talk of Jean-Michel Basquiat and give you appointment in November for Egon Schiele.

Sono più di cinquanta, tra quelli della Rive Droite e quelli della Rive Gauche della Senna e sono di varie lunghezze, dai 1971m del Quai de Bercy, il più lungo, agli 80m del Quai du Louvre, il più corto. Ma, come è facile immaginare, non è certo la lunghezza che determina l'importanza di un “quai” di Parigi rispetto ad un altro. Cominciamo col dire che da certi “quais” è possibile ammirare alcuni dei più celebri monumenti della capitale, dalla Tour Eiffel a Notre-Dame a Place de la Concorde, senza trascurare i ponti storici che legano una riva all'altra della Senna. Ma procediamo con ordine.

Mucha’s iconic posters have become shorthand for Art Nouveau; but there’s much more to the Czech artist than these looping illustrations. An all-rounder, he was a keen furniture designer with quite the photography sideline. Get reacquainted with the father of Art Nouveau at the Musée du Luxembourg.

Dal 1934, Montmartre celebra la sua tradizione viticola e saluta l’arrivo della nuova cuvée (produzione dell’annata) del suo vigneto. Quest’anno la Festa della Vendemmia (“Fête des Vendanges”) torna sulle colline della Butte (toponimo con cui, per tradizione, è indicata la Collina di Montmartre). Concerti, sfilate, degustazioni di prodotti ed eventi di animazione vi danno appuntamento.

Parigi, lo sanno tutti, ha un clima imprevedibile. Da un momento all’altro si passa dal sole pieno al grigiore delle nuvole che ti scaricano addosso quella fastidiosa pioggerella che sembra non dovere smettere mai. E se tu sei in giro con la voglia di vedere bellissime vetrine, di moda o di artigianato sopraffino o di elegante antiquariato, come se dovessi partecipare a una festa, be’ la festa è già finita.

Born at Neuilly-sur-Seine (PARIS) in 1930, the painter and sculptor Niki de Saint Phalle grew up in New York. At only eighteen she married the US writer Harry Matthews. After their divorce she lived with sculptor Jean Tinguely from 1960, through him she became a member of the Paris group of artists who called themselves "Nouveaux Réalistes".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.