COME ACQUISTARE IL VINO A PARIGI SENZA FARE ERRORI

Apprezzate il buon vino, ma non sapete distinguere un Bordeaux da un Côte du Rhône? Niente panico, siamo qui per darvi un aiutino… Il prezzo è un criterio essenziale per assicurarsi un vino di qualità? Che cos’è un vino bio? E soprattutto, come acquistare un vino senza fare errori? Ecco qualche consiglio…


vin2Se quello dei vini francesi è per voi un pianeta sconosciuto, la prima cosa da fare è un giretto su Internet, così potrete conoscere le varie regioni e i vari vitigni. Poi, se vivete a Parigi, il consiglio migliore è sempre quello di rivolgervi agli esperti delle enoteche di quartiere, sono dei veri appassionati, e una parte essenziale del loro mestiere consiste nel comunicare al cliente le proprie scoperte. Per loro sarà un grande piacere farvi orientare in questo universo. Un piccolo consiglio, se acquistate molte bottiglie per una serata o per una ricorrenza: prima di fare un acquisto importante, provatelo, il vino! In conclusione, acquistatene un piccolo quantitativo!

Come acquistare del vino al supermercato senza fare errori?
In linea di massima, non è consigliabile acquistare il vino al supermercato, soprattutto le bottiglie che sono esposte alla luce diretta dei neon. Comunque, esistono alcuni supermercati dotati di una cantina di qualità e, nei reparti, troviamo sempre più spesso del personale competente: fatevi consigliare da loro, e acquistate una bottiglia che soddisfi le vostre aspettative (nel budget, ma anche nelle vostre preferenze, se vi piacciono i vini secchi, o quelli fruttati, ecc.). Ecco perché è importante stabilire un rapporto confidenziale con il venditore, e fare gli acquisti – se possibile –  nello stesso supermercato.

vin3Il prezzo è un criterio essenziale per assicurarsi un vino di qualità?
Dei vini economici possono anche essere molto buoni, il loro prezzo basso può essere giustificato dal fatto che vengono prodotti in piccole quantità e che sono poco conosciuti. Ma rimaniamo con i piedi per terra: la qualità ha un prezzo, e al disotto di una certa soglia, l’elaborazione del vino avviene per forza in modo industriale!

Un vino bio, che cos’è esattamente?
È meglio evitare di parlare di un vino bio in un evento enologico, se volete evitare le interminabili rivalità e discussioni di campanile tra i “pro” e i “contro”. I vini bio, generati da un’agricoltura priva di prodotti chimici di sintesi, tendono ad evolversi e ad affinare il loro aroma. Per i puristi, comunque, hanno ancora molta strada da percorrere, prima di poter produrre dei grandi cru. Vanno bene i vini bio, ma non dobbiamo dimenticare che il vino è un’opera dell’uomo, anche se le uve sono bio. Molte grandi aziende vinicole da tempo puntano sulla biodinamica, senza metterlo in piazza, e nel corso degli anni moltissimi vignaioli si sono uniti al progetto. Le nuove generazioni che rilevano le aziende di famiglia, hanno già aderito all’idea, alla luce dei risultati ottenuti da queste aziende pilota.

Charlotte - Style & fashion

Bonsoir, my name is Charlotte. My mother, ex-model for Saint-Laurent, is American but I’ve lived in Paris since I was 4 years old. Since my mother was often abroad for fashion shows, my French grandmother, a dressmaker for Chanel, taught me the way to become a real Parisian. Today, I’m a wedding-planner and my husband directs a famous fashion magazine. I don’t have to tell you that I have a front seat at all of the fashion shows and I’ve developed a good general culture about fashion. Although I’m the personal shopper for my friends, my strong points are marriage and elegance.

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.