LA MODA A PARIGI. QUALI NOVITA' QUESTO INVERNO?

In linea di massima, la moda tende alla realtà e al comfort, senza dimenticare tuttavia il fun, il colore e il glamour… In poche parole, quali sono i capi indispensabili da adottare? Su quali colori ed imprimés puntare per essere al top quest’inverno? Vediamo le novità che daranno ritmo al nostro guardaroba…

MODA4Sulla scia della scorsa estate, l’inverno manifesta un desiderio audace di colore intenso. Dall’arancione che si tinge di sangue al rosso vermiglio, dal rosa tenero al fucsia, dal magenta fino al viola, che sembra finalmente trionfare. I verdi hanno le nuances del bosco, dal verde militare al verde assenzio (come quello del liquore dei poeti “maledetti” di fine ‘800, chiamato “la Fata Verde”…). Il giallo intramontabile, per dare una sferzata di energia al grigiore, si coniuga in variazioni di sfumature dal limone acido allo speziato più caldo e goloso. Quanto al blu notte, diventa il nuovo nero per moderare o contrastare queste tonalità più vive. Si esprime in monocromia, in versione chic e moderna, perché Christian Dior ne ha fatto il colore-simbolo della sua ultima sfilata. Infine, il glitter for ever: d’argento, colorato, l’importante è che risplenda di giorno e di notte!  

Per quanto riguarda i tessuti stampati e i materiali trendy, un’esplosione di fiori e di geometrie di ogni tipo, dalle stampe floreali ai tessuti e ai disegni in classico stile british, fino al più casual wear che tranquillizza. La pelle di vernice sostituisce il vinile. Un inverno, questo, morbido e serico, che si divide la scena tra il velluto, la seta e soprattutto il raso, da indossare tutti i giorni. L’ornamentale si esprime con il ritorno dei jacquard fantasia, l’effetto tappezzeria si traduce in pizzo colorato o negli schemi grafici del pizzo guipure. Senza dimenticare i ricami in all-over, indispensabili per personalizzare i basic del guardaroba e gli accessori.

MODA2

Le tendenze del guardaroba:
• Lo stile Wall Street  con il ritorno del tailleur pantalone.
• Il denim workwear couture (ritorna il jeans in versione elegante, tessuto blu carico délavé su forme originali, in total look o da mixare con accessori più “da città”).
• Un classicismo ribelle o un glamour un filo aggressivo: lo spirito di seduzione glamour con un tocco Anni ’80, con gonne o vestiti asimmetrici, più corti, in pelle o con cut-out sexy.
• Una moda da attivista, ispirata all’idea di comunicare con gli altri attraverso una t-shirt, una felpa o degli accessori su cui è stampato un messaggio o uno slogan.
• Il romanticismo da Far West: lo spirito romantico a fiorellini viene rivisitato con un mix di folk-western: un abbinamento di stivaletti santiago, una camicia con inserti western, una giacca da trapper a scacchi.
• Lo stile outdoor o sportivo diventa sofisticato: i capispalla come i piumini o i giubbotti prendono in prestito tessuti da sera, come il velluto e perfino il lamé.

MODA8
I capi e gli stili da avere nell’armadio
• La t-shirt con messaggio.
• Il maxi pull da indossare su una gonna vaporosa, su calze a rete o su un pantalone ampio.
• L’oversize rimane un valore sicuro, in cappotti extra lunghi, in piumini vaporosi.
• Il tailleur pantalone rimane protagonista: il potere femminile si afferma al maschile.
• La giacca con spalline, da portare con una cintura o disinvoltamente aperta.
• Lo spirito pratico rinnova il pantalone cargo in una forma a banana, sono di rigore la vita alta e il fondo stretto, per i modelli più alla moda.
• Il fuseau ultrasemplice, tipo leggings, fa ritorno: da abbinare, per un effetto sexy-chic, a scarpe con tacco, per un revival degli Anni ’80.
• In contrasto con la gonna lunga, più “seriosa”, la minigonna gioca con le asimmetrie civettuole, annodate ai fianchi o a falde.
• Dopo le spalle nude, il “cut-cut”, i “cut-out” sexy scoprono la pelle su vestiti incollati al corpo, o con un effetto di drappeggio, senza dimenticare i toppini.
• I vestiti drappeggiati, con effetto di pieghe piatte.

Isabelle - Spotlight

Bonjour, my name is Isabelle. At my parent’s, a week didn’t go by without a social gathering. It may have been a garden-party, a bridge party or a diner dance. No caterers, of course, everything was homemade! With my sisters, we learned how to put different spreads on toast, the right way of course, arrange the flowers for the tables or decorate the buffet, to say the right thing to each guest or organize an elegant picnic. As appropriate, I learned etiquette during these receptions and also had “savoir-vivre” lessons. Today, I work in public relations in Paris and the education that I received is of great use. I’ll give you several very Parisian tips…

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.