LE PARIGINE RENDONO OMAGGIO A HUBERT DE GIVENCHY, TESTIMONE DELL’HAUTE COUTURE E MAESTRO DI ELEGANZA SENZA OSTENTAZIONE

Dal suo primo défilé nel 1952, al suo allontanarsi dalla scena della moda nel 1995, a seguito della vendita della sua Maison – nel 1988 – al gruppo LVMH, Hubert de Givenchy ha lasciato, per quarant’anni, un segno indelebile nel mondo della moda, grazie all’eleganza delle sue creazioni, come il celebre tubino nero indossato da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany.


giv5Il creatore di stile francese ha vestito anche Jackie Kennedy, la principessa Grace di Monaco, Marlene Dietrich, Greta Garbo e Jeanne Moreau.
Classe 1927, Hubert James Taffin de Givenchy nutriva una vera passione per la moda fin dalla più tenera età, tanto che – a soli 10 anni – volle andare a Parigi per incontrare lo stilista spagnolo Cristobal Balenciaga, di cui era un grande ammiratore. Inizia la sua carriera a 17 anni, scoprendo al tempo stesso l’universo delle maestranze (sarte e artigiani) e quello delle donne del bel mondo, alla continua ricerca di vestiti da sera. Sette anni dopo, apre la sua prima Maison di moda, seguendo l’esempio del suo “fratello maggiore” Christian Dior, e si impone come lo stilista dello “chic informale”.

giv2Grande ammiratore di Cristobal Balenciaga, Hubert de Givenchy aveva dichiarato, riferendosi a lui, «Balenciaga era la mia religione. Dato che sono credente, per me esistono Balenciaga e  Dio». Determinante è l’incontro con lo stilista spagnolo nel 1953. Ed è grazie a questo incontro che si esaltano il suo gusto per l’abito dalle linee architettoniche e quel tratto particolare che diventerà lo stile Givenchy: una eleganza senza ostentazione, che dà ampio spazio al comfort, all’icona dei vestitini neri, apprezzati dalle sue clienti internazionali, dalle teste coronate alle star del cinema.
Grande collezionista d’arte, Hubert de Givenchy possedeva numerose opere – tra cui molti Giacometti – nel castello dove andava spesso a rifugiarsi con il suo compagno.
«Tra i creatori di stile che, dagli Anni Cinquanta del ’900, hanno consacrato definitivamente l’ascesa di Parigi alle vette della moda mondiale, Hubert de Givenchy ha regalato alla sua Maison di moda un’impronta tutta particolare. Sia negli abiti lunghi impegnativi, che nelle mise da giorno, Hubert de Givenchy ha saputo riunire due rare qualità: essere innovatore e fuori dal tempo», ha commentato Bernard Arnault, presidente del gruppo LVMH.

giv4L’anno scorso, una grande mostra aveva reso omaggio all’operato di Hubert de Givenchy a Calais, alla “Cité de la dentelle et de la mode” (“Centro del merletto e della moda”). «Non serve a niente fare lo sbruffone, bisogna realizzare dei vestiti che siano anzitutto comodi e di buon taglio, non si deve mai “costringere” il tessuto con esagerazioni artificiose, il tessuto deve potersi muovere sul corpo della donna. L’indossare un capo di vestiario deve regalarvi sicurezza», aveva dichiarato lo stilista all’inaugurazione della mostra, nel giugno scorso.
Anche più di vent’anni dopo il suo ritiro dal mondo della moda, lo stilista continuava a osservare con occhio critico l’evolversi del suo mestiere. «Adesso, mi sembra che ci sia una sorta di sciatta trascuratezza, penso che la moda sia diventata un’altra cosa, e non posso dire di esserne entusiasta. C’è la moda. e ci sono delle mode»: così sottolineava lui, all’apertura della mostra che gli era stata dedicata a Calais. 

Testo: laparisienne.com

© Foto n°1/2/4/5, maison Givenchy Paris (LVMH)
© Foto n°3, maison Givenchy Paris (LVMH), Audrey Hepburn, in “Breakfast at Tiffany’s”

Charlotte - Style & fashion

Bonsoir, my name is Charlotte. My mother, ex-model for Saint-Laurent, is American but I’ve lived in Paris since I was 4 years old. Since my mother was often abroad for fashion shows, my French grandmother, a dressmaker for Chanel, taught me the way to become a real Parisian. Today, I’m a wedding-planner and my husband directs a famous fashion magazine. I don’t have to tell you that I have a front seat at all of the fashion shows and I’ve developed a good general culture about fashion. Although I’m the personal shopper for my friends, my strong points are marriage and elegance.

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.