Popelini: il lusso in un solo boccone…

La parigine è esile, ed è molto attenta alla propria salute, e comunque… è golosa e non si priva delle gioie della tavola, l’unica cosa  è che si alimenta con moderazione. Comunque sia, oggi la pasticceria tradizionale vive il suo momento d’oro, protagonisti  soprattutto i bignè alla  crema di una volta… Tra le pasticcerie specializzate in questa mini-ghiottoneria, la mitica Popelini: ecco qui di seguito la sua storia fuori del comune…

Popelini…

Far rivivere il bignè (lo chou lo chiamano in Francia), un tesoro della pasticceria francese finito nel dimenticatoio della ghiottoneria, e reinventare questo grande classico attraverso quattro collezioni: è questa la promessa che ha fatto a sé stessa  Lauren Koumetz, creando Popelini, il primo scrigno del tesoro per bignè qui a Parigi.

section-1Ognuno di noi ha la sua piccola madeleine  alla Proust. E le brillano gli occhi a Lauren, quando si ricorda dei bignè alla crema assaporati con sua nonna i mercoledì pomeriggio.
Prime sensazioni, primi amori, la pasticceria, mix di velluto e di croccantezza, di semplicità e di mistero, diventa la sua passione. Una creazione da orafo che Laurent scopre nei laboratori della società Lette, specializzata nei macarons, e fondata da suo padre in California. Sono i primi anni del Duemila. I palati stravedono per questo morbido pasticcino, a base di pasta di mandorle.

Ma i suoi studi la portano verso un’altra passione, l’Alta Gioielleria, nel settore marketing di Van Cleef & Arpels. L’approccio al lusso non le fa comunque dimenticare il suo peccato di gola, e la voglia di creare una impresa tutta sua. Perché non dare vita a una linea di prodotti gourmand, lavorati come gioielli, e capaci di soddisfare tutti i desideri?  Idea: saranno dei piccoli bignè alla crema, ormai desueti, perché passati di moda.

La sfida di Lauren è contro tutto e tutti, perché nessuno crede alla rinascita di questa pallocca dolce, in 55genere rivestita di croccante che si incolla al palato, e allestita a piramide per le grandi occasioni.

Per caso, durante le sue ricerche, il nome di Popelini, creatore della pasta choux e cuoco ufficiale di Caterina de’ Medici, le balza agli occhi come una certezza. Un nome rotondo, musicale e che profuma di Italia. Il richiamo irrefrenabile alle pietre preziose le fa scoprire, nel natio Marais, un negozietto non più grande di un fazzoletto, che Laurent trasforma in uno scrigno sobrio ed elegante.

Il minilaboratorio situato nel retrobottega è in fermento, durante i sei mesi che precedono l’apertura del negozio. Ricerca delle materie prime migliori, combinazioni giuste, un accordo perfetto di profumi, un giusto equilibrio fra pasta secca, molto delicata, e la crema….
Oggi, tre pasticcerie rendono onore a questa minuscola delizia… E presto una quarta aprirà i suoi battenti nel quartiere di Saint Germain des Prés.

I bignè: 30 grammi di gioia e voluttà

Sotto a una cupoletta di glassa colorata, la pasta choux, morbida, aerea e leggera, è avvolta in una frolla croccante, a base di zucchero di canna e burro. Sotto questo manto croccante, l’oleosità di una crema pasticciera e la tenerezza di una pasta secca in cui annegano un confit di frutta, briciole di croccante e di cioccolato… Un’esplosione di gusto. Senza farsene una colpa. Un boccone di lusso. Alla portata di tutti.

choux-boxSono delicati, e si declinano in nove gusti fissi, in altri cinque per ogni nuova collezione (primavera-estate e autunno-inverno), e in un sapore a sorpresa per ogni mese.
In tutto, il bignè Popelini offre una gamma di ventinove colori e sapori diversi. La sua realizzazione, molto difficile perché la pasta choux è piuttosto capricciosa, richiede un terribile tour de force da parte del pasticciere.

Motivo per cui, a ogni sfornata, ogni bignè è un pezzo unico.

Proprio per la sua fabbricazione artigianale, il bignè Popelini è interamente composto da ingredienti realizzati a mano: il cioccolato al latte, il caramello, il pralinato, il cremoso al caffè con i chicchi torrefatti, macinati e pressati al colino, i limoni spremuti uno alla volta…

Gli ingredienti sono selezionati tra i migliori, come l’acqua di rose Thiecerlin, la panna fresca l’Or des Près, il cioccolato Valrhona o i coloranti naturali. Il lusso in un solo boccone…
Per la gioia degli occhi e per il piacere della presentazione, i bignè Popelini sono allineati con cura in un astuccio di carta Kraft, al tempo stesso semplice e prezioso. All’apertura dello scrigno color sabbia, queste sorprese esplodono in un variopinto fuoco d’artificio. Gioielli di bignè, da condividere in buona compagnia. Per San Valentino, il bignè Popelini si trasforma in una delicata “mela” caramellata da sgranocchiare con la persona amata. Per Pasqua, esaudisce tutti i capricci del cioccolato…

Read 395 times
Béatrice - Cooking

Bonjour, my name is Béatrice. Thanks to my grandmother, I developed a love of cooking in early childhood. At her, everything smelled of apple brioche, rhubarb jam and fresh country produces. It’s not always easy to cook in Paris as the number of invitations exceeds the days of the week! So, it’s really necessary to think out the menu in order to have a successful diner at home. The wining recipe: gourmet, seasonal and dietetic dishes. And surprising presentations. No longer possible to serve the traditional Blanquette of veal to make your guests happy…

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     

ORDER THE BOOK NOW

libro-rizzolilibro-rizzoli
.

Edizione Italiana

Edita da RIZZOLI, Sophie la Parigina è una guida di stile moderna su PARIGI. Illustrata dai disegni di Alessandra Ceriani, completata da un elenco degli indirizzi preferiti dalla parigina e arricchita di ricette gastronomiche.

 

English Edition

Published by RIZZOLI New York, Sophie the Parisian'sis a modern life style guide about PARIS. Illustrated with color drawings, complemented by a list of Parisians' favorite locations and enriched with gastronomic recipes.

 
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.