LA SOUPE A L'OIGNON DI LUIGI XV DI BORBONE

Provate ad invitare a cena una vostra amica in visita a Parigi, non importa l'età, né se è bionda o bruna, l'importante è che sappia apprezzare la buona cucina. Scegliete un ristorante dove si mangi veramente alla francese: niente spaghettì boló o sushì e sashimì, ma vera, autentica cucina francese, per esempio Le Procope, nel quartiere Saint Germain-des-Près. È forse il più antico ristorante di Parigi, l'ambiente e gli arredi sono caldi e accoglienti e, fidatevi, si mangia bene senza spendere una fortuna. Fatevi dare un bel tavolo e iniziate offrendo una flûte di champagne alla vostra ospite. Poi prendete l'iniziativa e ordinate per entrambi una soupe à l'oignon gratinée. 

ProcopeLei, incuriosita vi chiederà spiegazioni e voi le direte semplicemente che si tratta di una zuppa di cipolle. Questo, ve l'assicuro, sarà il momento critico della serata. Lei vi guarderà incredula, come se voleste farle del male, ed esclamerà: “Cipolle? No… no, grazie, preferirei qualcos'altro!”

Se sarà questa la sua reazione, vi dico subito che la ragazza non merita un secondo invito. Quindi lasciate fare a lei l'ordinazione. Non mi meraviglierei se scegliesse un'omelette jambon-fromage. In altre parole, lei non vi merita.

Ma mettiamo il caso, non improbabile, che la fanciulla sia dotata di altre notevoli attrattive, al di là delle sue preferenze a tavola, e che di conseguenza voi non vogliate interrompere così bruscamente il probabile inizio di una promettente serata. In questo caso, insistete e raccontatele qualcosa su questa famosa zuppa di cipolle, sulle sue origini, la sua storia, ecc.

Intanto potete raccontarle che, contrariamente a ciò che si crede, pare che quella ricetta abbia avuto origine nientemeno che nell'antica Roma. Inventata da un rinomato cuoco dell'epoca, un certo Celio, al servizio di nobili e imperatori, era appunto a base di cipolle e… di pesce sottosale. Con un po' di miele, aceto e una spolverata di origano, sembra che servisse anche a rassodare i muscoli dei gladiatori.

Poi, col passare del tempo e… dei secoli, qualcuno si rese conto del sapore un po' troppo forte della zuppa e il pesce salato fu eliminato, insieme a miele, aceto, origano, evenutali e varie.Procope 2

Rimasero le cipolle, il pane abbrustolito e il formaggio filante e così, quella in voga ancora oggi, si dice che sia una ricetta elaborata nel XVIII secolo, indovinate un po', nientemeno che presso la corte dei re di Francia.

louis xvSembra che una notte il re Luigi XV di Borbone (1710-1774) sia stato assalito da un appetito incontenibile e che, recatosi nelle cucine della reggia per provare a cucinarsi qualcosa, abbia trovato solo cipolle, burro e champagne. Svegliato tutto un esercito di cuochi, sguatteri e cucinieri, ordinò che si procedesse a preparare un pasto. Il risultato fu quella deliziosa soupe à l'oignon, un piatto da re!

Secondo un'altra leggenda, invece, la ricetta sarebbe stata introdotta sì a Versailles, ma non da Sua Maestà. Si racconta che sia stato il duca Stanislao di Lorena, mentre si recava a rendere visita a sua figlia, Maria Leszczyńska, moglie di Luigi XV, a fermarsi a metà strada nell’Hotel La Pomme d’Or dove prestava servizio un rinomato cuoco dell'epoca, Nicolas Appert. Fu lì che il duca ebbe modo di gustare una favolosa soupe à l'oignon, da cui fu conquistato tanto da convincere i cuochi di Versailles ad adottarla nei loro menu.soup-oignon-01-1140x760

Inutile dire che se non siete riuscito a convincere la vostra amica a degustare la famosa zuppa, è perfino inutile raccontarle che, esaurite le leggende di origine francese, ne esiste un'altra non meno credibile secondo la quale fu Caterina de' Medici nel 1533, andata sposa a re Enrico d'Orleans, ad importare in Francia un'italianissima zuppa di cipolle gratinata al formaggio con fette di pane abbrustolito.

Non so come si concluderà la vostra serata Chez Procope, ma sono pronto a scommettere che lei, la vostra amica, ora vorrà assaggiare almeno una cucchiaiata di quella meraviglia fumante che si troverà nella scodella appena servita.

E se lo farà, continuerà a gustare la sua soupe à l'oignon gratinée, filante di formaggio fino alla fine. E ve ne sarà grata, garantito!

Come concludere la serata è inutile che lo suggerisca io.

soupe-oignon-foto esterna

Maxime - Art & Culture

Bonjour, my name is Maxime. I obtained my name because my grandmother always took me to Maxime’s in Paris for my birthday, always in the company of her best girlfriend! When I was fourteen years old, I was already enamoured with their Parisian chatter. Now, when with friends, I know everything about the art of invisible make-up and light cocktails! The Parisian really has a very distinct character: she’s surprising and interesting. And she’s so feminine! As for invitations, it a real task: each day Paris offers new exhibitions, previews and vernissages. With a Parisian, you absolutely have to be in the right place at the right time!

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.