UN SERATA PARIGINA CON UN MAGNIFICO CHAMPAGNE

«Il mio Champagne preferito è il Louis Roederer Cristal ». La persona che mi ha invitato a bere un calice di champagne a La Societé, a Saint-Germain-de-Prés, mi guarda quasi in imbarazzo, non si aspettava che rispondessi con tanta precisone alla sua domanda sulle mie preferenze in fatto di champagne. Mi rendo conto di avere fatto una gaffe, perché proprio in quel momento una bellissima ragazza ci sta già servendo due calici di uno champagne che non è certo il Louis Roederer Cristal…

lmi-dom-ruinart-diner-bouquet-de-champagne-paris-2008-3

Con una grazia e una professionalità infinite, la fanciulla aspetta che le prime bollicine svaniscano nei bicchieri ed è subito pronta a rimboccarli, fino a raggiungere con geometrica precisione lo stesso livello nei due calici accostati. Solo allora lancio una furtiva occhiata alla bottiglia di campagne e scopro che si tratta di un Ruinart Blanc de Blancs, un altro magnifico vino di alto livello.

urlA questo punto il mio ospite ha percepito il mio imbarazzo e mi viene incontro affrontando l’argomento champagne. Lo rassicuro subito riguardo al Ruinart, che è comunque uno degli champagne che amo di più e gli spiego anche che un po’ me ne intendo, avendo seguito tempo fa un corso particolare, proprio nella regione da cui prende nome questo vino così unico e speciale. 

Speciale perché nessun vino spumante al mondo può essere denominato “champagne”, se non è prodotto nel nord della Francia, in una provincia che occupa la maggior parte della regione amministrativa denominata Champagne-Ardenne. 264 case produttrici di champagne possiedono solo il 12% dei vigneti, ma coprono il 71% del mercato. 

La qualità delle uve che daranno vino è dovuta al terreno calcareo che affiora nella Côte des Blancs della Champagne, che è contiguo allo strato di calcare che si estende verso ovest, sotto Parigi, per poi riemergere nel Regno Unito dando origine alle bianche scogliere di Dover. Il metodo di produzione , di maturazione e invecchiamento è detto “champenoise” e consiste nell'indurre la champagnedettagliorifermentazione in bottiglia dei vini attraverso l'introduzione di zuccheri e lieviti selezionati. 

A mano a mano che il tempo passa, nonostante la pressione interna, minuscole quantità di ossigeno penetrano nella bottiglia di champagne attraverso il tappo di sughero, in base al principio denominato scambio dei gas. In una bottiglia dfi champagne ci sono 250 milioni di bollicine, non 49 milioni come aveva ipotizzato uno studio condotto dallo scienziato Bill Lembeck. 

 La stima è della statunitense Champagne & Sparkling Wine Guide di Tom Stevenson, che ha utilizzato un "sistema di visione artificiale” collegato a una videocamera per registrare il rilascio di bolle e ha concluso che ci sono in media 250 milioni di bolle in una bottiglia di champagne. La pressione presente nella stessa bottiglia è pari a quella in uno pneumatico di un autobus o di un grosso camion.

Maxime - Art & Culture

Bonjour, my name is Maxime. I obtained my name because my grandmother always took me to Maxime’s in Paris for my birthday, always in the company of her best girlfriend! When I was fourteen years old, I was already enamoured with their Parisian chatter. Now, when with friends, I know everything about the art of invisible make-up and light cocktails! The Parisian really has a very distinct character: she’s surprising and interesting. And she’s so feminine! As for invitations, it a real task: each day Paris offers new exhibitions, previews and vernissages. With a Parisian, you absolutely have to be in the right place at the right time!

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.