È una sera di aprile del 1975. L’hotel Le Bristol Paris sta scrivendo la sua leggenda da decenni ma,  proprio questa sera, sta per essere scritta una pagina straordinaria…

In effetti, il successo della Pop Art e degli artisti della Belle Époque austriaca in questo momento fanno di Daniela Forcella un’artista estremamente in sintonia con il tempo e con la nostra esigenza di semplificazione, di concretezza, con rispetto dell’immaginario… Con un passato da collezionista, Daniela Forcella forma e perfeziona il proprio stile presso l’Accademia di Belle Arti a Milano, esprimendo fin da subito una forte inclinazione verso la Pop Art ed in particolare verso il tema della ripetizione. Oggi, alcune delle sue opere fanno parte di collezioni private in Italia e all’estero.

My friend Anna comes twice a year from San Francisco to visit me. I am always surprise to see her energy when staying in  Paris. A couple of years ago, she told me hers secret to make her stay in town as relaxing and rewarding as possible:  “Paris is a very spread-out-city so I prepare very well my day visit, remind sporty even while travelling and eat light food in the evening”…

My friend Anna comes twice a year to visit Paris from San Francisco. I am always surprise to see her energy when arriving after a 15 hours trip! A couple of years ago, she told me her secrets to make her stay in town as relaxing and rewarding as possible: she often goes in Luxembourg or Tuileries garden for a relaxing promenade after her day visit and she manages her evening time with attention to make her next day in top form. Let’s see…

You have certainly seen them, walking along the Seine in Paris. The row of small shops clinging to the stone parapet of the river is interrupted only when there is a bridge and therefore a passage. Then it resumes, as if nothing has happened, up to the next bridge.

Carole Bouquet is a French movie star. She worked with the most famous directors. She became world famous with her role as a James Bond girl with Roger Moore in “For your eyes only”. Now 61, Carole Bouquet is still incredibly beautiful and hasn’t lost an ounce of her charm and unequalled allure. Nothing seems to tarnish her complexion. She claims that it’s better to try and overcome your age rather than try and hide it…

Jeffrey Leatham and the Four Seasons George V and its flowers have been bound together. Their story cannot be separated, even though Jeffrey Leatham is now artistic director for the George V. Working with roughly 15,000 flowers every week, Jeff and his team of assistants transform the hotel from season to season, palette to palette. Such imagination. Submerged purple orchids. Angled long stemmed roses. Hydrangeas preening for the guests. Every kind of flower in every imaginable design. At night, literally hundreds of candles are magically lit and scattered among vases throughout the hotel. 

“Becoming Parisian is possible, but remaining Parisian is an art” said Nathalie Peigney, author of « Sophie the Parisian: Style Tips from a True Parisian Woman ». To spend time in Paris is to spend time in a city with a feminine energy. Simply the proper article spoken when saying the city of Paris is la ville de Paris. But what exactly does that mean?

Edith Piaf’s songs and singing style seemed to reflect the tragedies of her own difficult life. According to her love letters published in France, it appears that she regretted many things: the great diva craved a “normal life, with children, pretty curtains and a husband”. The French cabaret singer, songwriter and actress is still considered as one of the greatest performers of the 20th century. Let’s have a look to her amazing personality and life. 

Rizzoli New York, conversation between Nathalie Peigney, Author of “Sophie the Parisian: Style Tips from a True Parisian Woman” and Jessica Matlin, Beauty Director Harper’s Bazaar. 20 questions to discover the secrets of Parisian charm…

Tutto cominciò nel gennaio del 1686, alla corte di Francia, quando Luigi XIV si ammalò improvvisamente. Sembra che il Re Sole si fosse ferito sedendosi involontariamente sulla punta di una piuma che emergeva da uno dei cuscini della carrozza reale. 

 This special one-night-only performance showcases Pascal Greggory — muse, collaborator, and partner to the great French director Patrice Chéreau — as he guides the audience through the personal writings and boundless creativity of one of the world’s great theatrical minds.

Sapevate che ogni giorno, festivi compresi, arrivano all'Eliseo 1500/2000 lettere, via posta o via Internet, che vengono regolarmente evase da un centinaio di persone facenti parte dei circa 800 impiegati del palazzo? Per la cronaca, all'Eliseo lavorano anche 350 militari addetti all'ordine e alla sicurezza. L'Eliseo occupa un'area di oltre 11.000 m², di cui circa 300 destinati ad appartamenti privati. Contiene ben 365 camere e una gran parte di esse, 90 circa, sono sotterranee. Infine il parco ha una superficie di un ettaro e mezzo.

After closing its doors for a four-year, $234 million refurbishment, the Lutetia hotel is back, adding to the ranks of fashionable luxury hotels in the French capital, just in time for the peak summer season. For the past century the Art Nouveau Hotel Lutetia has been a Paris icon, known as much for its popularity with artists as its unusual Left Bank location. 

Un arrivo che fa seguito allo spettacolare restauro della sala, unica al mondo, del ristorante: il tetto si apre maestosamente per svelare il cielo di Parigi. Uno slancio pieno di brio verso l’indirizzo diventato famoso da quasi 80 anni.

Until January 2019, the Fondation Louis Vuitton is featuring separate exhibitions of two painters linked by their fascinating intensity and brief, meteoric lives: Egon Schiele and Jean-Michel Basquiat. With a selection of 250 creations selected from their exceptional body of work, the Fondation Louis Vuitton celebrates the itineraries of the two artists who, says Suzanne Pagé, artistic director of the Foundation, “saw themselves as prophets of art and had extravagant virtuosity.” Today we shall talk of Jean-Michel Basquiat and give you appointment in November for Egon Schiele.

Sono più di cinquanta, tra quelli della Rive Droite e quelli della Rive Gauche della Senna e sono di varie lunghezze, dai 1971m del Quai de Bercy, il più lungo, agli 80m del Quai du Louvre, il più corto. Ma, come è facile immaginare, non è certo la lunghezza che determina l'importanza di un “quai” di Parigi rispetto ad un altro. Cominciamo col dire che da certi “quais” è possibile ammirare alcuni dei più celebri monumenti della capitale, dalla Tour Eiffel a Notre-Dame a Place de la Concorde, senza trascurare i ponti storici che legano una riva all'altra della Senna. Ma procediamo con ordine.

Questo mercatino è il primo al mondo per grandezza: sette ettari di superficie, sedici mercati e oltre duemila venditori che raccontano la storia degli oggetti (cosa necessaria per trattare sul prezzo); da anni è conosciuto in tutto il mondo anche per la qualità di alcune opere che un occhio esperto può trovare, quasi fosse un museo all’aperto. La sua fama ha attirato persino il mondo del cinema: molti registi hanno usato questo mercato per girare alcune scene dei loro film, come Woody Allen che vi ha ambientato alcuni momenti di “Midnight in Paris”. 

Mucha’s iconic posters have become shorthand for Art Nouveau; but there’s much more to the Czech artist than these looping illustrations. An all-rounder, he was a keen furniture designer with quite the photography sideline. Get reacquainted with the father of Art Nouveau at the Musée du Luxembourg.

Dal 1934, Montmartre celebra la sua tradizione viticola e saluta l’arrivo della nuova cuvée (produzione dell’annata) del suo vigneto. Quest’anno la Festa della Vendemmia (“Fête des Vendanges”) torna sulle colline della Butte (toponimo con cui, per tradizione, è indicata la Collina di Montmartre). Concerti, sfilate, degustazioni di prodotti ed eventi di animazione vi danno appuntamento.

Paris has two Opera theaters : the Opéra Bastille, a resolutely modern stage with exceptional dimensions, and the other in the sumptuous setting of the Palais Garnier, a temple to opera and ballet. On November 2018, the Opera propose a pagage with two shows in the same week-end…

Parigi, lo sanno tutti, ha un clima imprevedibile. Da un momento all’altro si passa dal sole pieno al grigiore delle nuvole che ti scaricano addosso quella fastidiosa pioggerella che sembra non dovere smettere mai. E se tu sei in giro con la voglia di vedere bellissime vetrine, di moda o di artigianato sopraffino o di elegante antiquariato, come se dovessi partecipare a una festa, be’ la festa è già finita.

Eccentric, scandalous, provocative, exuberant and funny as ever, Jean Paul Gaultier is shaking up Paris once again by inventing a new kind of entertainment between a revue and a fashion show. Sulphurous creator, the “fashion’s enfant terrible “, Jean Paul Gaultier create a new genre of show, a smashing and original revue “Fashion Freak Show“.

Born at Neuilly-sur-Seine (PARIS) in 1930, the painter and sculptor Niki de Saint Phalle grew up in New York. At only eighteen she married the US writer Harry Matthews. After their divorce she lived with sculptor Jean Tinguely from 1960, through him she became a member of the Paris group of artists who called themselves "Nouveaux Réalistes".

Whether it be daring, surprising, edgy or mainstream … you’ll find contemporary art everywhere in Paris! In museums, art galleries, artists’ studios, but also in the street or at major artistic events throughout Greater Paris, contemporary art is represented in many different forms: painting, sculpture, photography, music, the performing arts …

Launching new products, arousing interest, showcasing brands... Sylvie Siguret has spent most of her life doing this. Before joining the 3rd French press group Mondadori, this marketing pro worked in high-tech and tourism. It was an opportunity tackle all sides of the trade: campaigns, TV sport, e-mailing, brochures, events... The major French groups like Renault, Pinault or Axa invest in works of art, Sylvie Siguret explains.

Brigitte Bardot o Catherine Deneuve le hanno fatto da modella. Quella scelta da Emmanuel Macron è una creatura di pura invenzione…

Nel quadro della 35ma edizione delle Giornate Europee del Patrimonio e per il secondo anno consecutivo, il Crazy Horse invita il pubblico a scoprire i suoi backstage attraverso un percorso esclusivo, in cui aneddoti e piccoli segreti verranno svelati per l’occasione! Inoltre, quest’anno ai fan del celebre cabaret viene riservata una sorpresa, con un incontro a tu per tu con due Crazy Girls!

Tutti gli anni, numerose esposizioni, talvolta di provenienza internazionale, vengono ospitate nei principali musei della capitale: qui di seguito una selezione degli eventi imperdibili della stagione 2018 e una panoramica della stagione 2019. Il successo dell’offerta culturale di Parigi è ormai un dato di fatto…

Parigi, lo sanno tutti, va girata a piedi. Non c'è niente di meglio che girovagare per la città, senza curarsi troppo di avere una meta precisa. Si può decidere di andare a dare un'occhiata alla Défense, il più moderno dei quartieri cittadini, oppure di visitare i vecchi quartieri, come Saint- Germain-des-Prés nel 6° arrondissement….

Every year, the two hendred trees of Avenue des Champs-Elysées in Paris become the framework for a unique set of illuminations running the whole 2½ kilometres from the Arc de Triomphe to Place de la Concorde, an ingenious lighting arrangement of scintillating festoons and tree-rings made of red, green, and blue. Learning the Champs Elysées song of Joe Dassin can bee an excellent way to learn French and celebrate one of the nicest avenue of the world! Just try this easy and pedagogique song before your next trip to Paris…

Alessandra Ceriani ha realizzato le illustrazioni del libro “Sophie la Parigina, 103 cose per essere come lei” di Nathalie Peigney (Rizzoli). Le sue realizzazioni sono cosi vicine allo stile della parigina che abbiamo voluto saperne un po’ di più sulle sue fonti di ispirazione e sul suo legame con la Ville Lumière…

Provate a guardare una mappa generale di Parigi su cui sono segnati gli arrondissements, cioè i distretti amministrativi dei vari quartieri. Si parte dal 1er arrondissement, che è proprio il cuore della città, e girandogli intorno a spirale e in senso orario si completa tutta la chiocciola fino al 20ème, il ventesimo...

Nata dal successo internazionale della prima edizione, auto-pubblicata in tre lingue, da Nathalie Peigney, questa lussuosa edizione aggiornata è illustrata dai disegni di Alessandra Ceriani, completata da un elenco degli indirizzi preferiti dalla parigina e arricchita di ricette gastronomiche. Un libro da regalare assolutamente…

Arriving in Paris: relaxing after your journey
Your have just arrived. It is important you rehydrate by drinking lots of water in order to avoid muscle stiffness. After hours on a plane, your feet suffer and your legs feel heavy and tired. Once you are settled, take off your shoes and do the following:

Marion Cotillard was named "The most bankable French actress of the 21st century" in 2014, with her films amassing more than 37 million ticket sales in France between 2001 and 2014. Born in Paris in 1975, she appeared in a number of French and American films before landing her starring role as Edith Piaf in the film La Vie en Rose. She won an Academy Oscar Award for the performance. But who is Marion and why does she choose not call herself a feminist?

Sei mesi dopo la sua apertura, il Printemps du Goût, vero e proprio mercato gastronomico “fra le nuvole”, propone ai parigini di ammirare, nell’arco di una cena, i fuochi d’artificio del 14 luglio. Eccezionalmente aperta la sera per l’occasione, la magnifica terrazza offre un panorama unico dall’Opéra Garnier fino alla Tour Eiffel.

You should not be surprised if everyone in Paris addresses you formally with "vous". Would you like to get familiar, enter a little trust, or try to melt the ice of the first meeting but find there is no way? The more you try to address them informally with a "toi", the more they insist on addressing you with "vous". It is difficult to explain, but it is as it is...

Quest’anno, in cui trionfa la moda “jap”, Yannick Alléno ci fa un’altra volta una sorpresa aprendo il suo ristorante di sushi giapponese al Pavillon Ledoyen: un ristorante sushi moderno in un ambiente ultracontemporaneo. Affidato da Yannick Alléno a Yasunari Okazaki, maître sushi giapponese, arrivato qui dal suo Paese per l’occasione, L’Abysse presenta dei nigiri à la carte o in degustazione (omakazé), contornati da vari piatti moderni, che riflettono ampiamente la personalità dello chef parigino, offrendo anche una delle migliori carte di sakè in Francia.

In an increasingly machine-oriented society, artists are even more interested in robots since artificial intelligence is shaping human lives and even artwork: its production, its exhibition, its diffusion, its conservation, its reception.

Tutti i melomani si danno appuntamento nella capitale per approfittare appieno di eventi musicali al cento per cento. Con il ritorno delle giornate soleggiate e delle temperature miti, Parigi punta su attività “en plein air”, all’aperto. La Fête de la Musique, il 21 giugno, celebra in pompa magna il ritorno dell’estate…

From the bustling Boulevard Saint-Germain, you enter the streets of 6e at some point, because that's where Parisian life happily throbs with thousands of art galleries, bookshops, music, and bistros, at least in the summer. Then, silence...

«Nella mia fantasia, esiste una vita nel Paese dell’eterna Primavera che sta volgendo al termine, una pastorale lussureggiante di sole e del ronzio delle api»,  così diceva Frederick Ashton. Un balletto bellissimo, che vede in scena le Étoiles, i Primi Ballerini,  il Corpo di ballo e l’Orchestra dell’Opéra National de Paris.

In an increasingly machine-oriented society, artists are even more interested in robots since artificial intelligence is shaping human lives and even artwork: its production, its exhibition, its diffusion, its conservation, its reception.

Parigi realizzò allora le fortificazioni edificate da Thiers nel 1854. Con l’annessione, nel 1860,  di comuni periferici come Auteuil, le Batignolles, la Villette, Charonne, Haussmann diede vita alla suddivisione amministrativa attuale in 20 arrondissements, preoccupandosi di dividere alcuni comuni troppo facinorosi come Belleville. Questi nuovi quartieri ancora rurali allora si urbanizzarono: a popolarli vennero soprattutto gli operai, spinti ad andare via dai quartieri del centro,  a causa degli affitti saliti alle stelle…

Alessandra Ceriani ha realizzato le illustrazioni del libro “Sophie la Parigina, 103 cose per essere come lei” di Nathalie Peigney (Rizzoli). Le sue realizzazioni sono cosi vicine allo stile della parigina che abbiamo voluto saperne un po’ di più sulle sue fonti di ispirazione e sul suo legame con la Ville Lumière…

Nel XVI secolo Parigi torna a giocare un ruolo di primo piano, quando Francesco I ristabilisce la sua residenza nella capitale, mentre la corte si sposta – a seconda delle stagioni – nei castelli reali. Fa demolire il vecchio Louvre, per trasformarlo in palais de la Renaissance, e inizia a costruire la chiesa Saint-Eustache e l’Hôtel de Ville.

Per trovare le origini di Parigi, dobbiamo andare indietro nel tempo in un villaggio di pescatori celtici. La tribù dei Parisii si era insediata nel III secolo a.C. nell’île de la Cité e l’aveva fortificata chiamandola Lutetia. Nel 52 a.C. Lutetia venne conquistata da un luogotenente di Giulio Cesare. I Romani le diedero il nome di “città dei Parisii”. La città venne fortificata e cominciò ad espandersi sulla riva sinistra della Senna: ed è qui che furono edificate le terme chiamate oggi di Cluny e le arene di Lutezia.

Roma, 8 maggio. Presentazione del libro “Sophie la Parigina, 103 cose da sapere per essere come lei” (Rizzoli) alla Feltrinelli Red di Roma. Il giornalista Daniele Renzoni, corrispondente della Rai a Parigi (2001 al 2006) ha presentato il libro insieme all’autrice Nathalie Peigney. Una “serata disinvolta, moderna ed elegante” in una delle librerie più gourmet di Roma. Ecco la recensione di Daniele Renzoni sul libro e la vita parigina…

Maggio, tempo di grande cinema con il ritorno del Festival di Cannes che, per due settimane, colorerà la Croisette con le stelle del cinema...

15è édition du jeudi 31 mai au dimanche 3 juin 2018
. Attracting over 20,000 visitors each year, the “Jardins, Jardin” event at the Tuileries has become one of the most important events in early June.

Parigi pullula di eventi e di divertimenti per i bambini ! Se molte sale da spettacolo propongono attività a loro dedicate (marionette, circhi, maghi, narratori o cantanti), anche i musei offrono delle belle sorprese, con grandi mostre dedicate all’infanzia. I ristoranti che si rivolgono ai bambini e che sanno accoglierli ? Ecco la mia selezione personale, menu per bambini, seggioloni, zona sosta per passeggini e carrozzine, spazio giochi per i più piccoli. Andare al ristorante con i bambini non sarà più un incubo per voi. Per una « 3 giorni » a Parigi con bambini di età dai 7 ai 12 anni, o molto più piccoli, ho trovato per voi due link veramente al top…

French is strange, you may be able to read it well but when you get to France you can't watch french tv or have a conversation with a neighbour! So, listening to French language songs can be very helpful with learning the French language. What the song says is more important than what the song sounds like. So French song is an excellent pedagogique way to learn, try hear with Sous les Ponts de Paris song…

Everyone has their own way of being romantic! Here are some rides in Paris to choose from according to your romantic inclinations: aboard the iconic 2 CV, a Cruise on the Seine, a horse-drawn carriage, a pedicab and a tuk-tuk, a limousine or a bus…

Nominato Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere dal Ministro francese della Cultura, è inutile dire che Ernesto Mauri conosce Parigi forse meglio di un parigino! Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori ha vissuto per sei anni a Parigi e la frequenta regolarmente da oltre quarant’anni sia per motivi affettivi che professionali. Parla della Ville Lumière come un vero innamorato: la magia opera sempre, Parigi e la vita parigina l’hanno davvero conquistato…

Biking through Paris

My friend Ann just arrive to Paris for studying at Sorbonne University. She rents an apartment for a few weeks in the quartier Latin, center Paris. As an avid biker in New York, she decided to travel by bike in Paris. “It is exhilarating to travel through Paris by bycicle at street level. It is an amazing experience and I encourage all of you that like biking to do the same but listen to those safety tips...

Se siete a Parigi e avete programmato una visita alla cattedrale di Notre-Dame, prima di entrare fermatevi a guardare in alto verso le torri e la maestosa facciata. Scoprirete, accanto alle grondaie che sporgono dai tetti, una quantità di mostruose creature di pietra con sembianze di animali inesistenti, orribili e spaventosi, che sembrano in qualche modo evocare il Diavolo. Perché, che ci crediate o no, sembra proprio che il Maligno abbia partecipato all'edificazione della cattedrale parigina…

L’attrice Stéphane Audran, figura chiave del cinema francese ed ex-moglie di Claude Chabrol, ci ha lasciato. Molti i registi innamorati di lei, Claude Chabrol l’ha sposata e ne ha fatto la sua musa.

Nata dal successo internazionale della prima edizione, auto-pubblicata in tre lingue, da Nathalie Peigney, questa lussuosa edizione aggiornata è illustrata dai disegni di Alessandra Ceriani, completata da un elenco degli indirizzi preferiti dalla parigina e arricchita di ricette gastronomiche. Un libro da regalare assolutamente…

Se cercate una traduzione per la parola francese canopée in un qualsiasi dizionario, non la troverete. Evitate quindi di cercare un'ipotetica canopea in italiano. Se andate a Parigi, invece, potete togliervi lo sfizio di vedere dal vivo che cos'è una canopée o canopea…

Essere parigina, Vuol dire anzitutto essere e sentirsi libere: di pensare quello che vogliamo, di poterlo esprimere, di potersi vestire come ci pare e di vivere la propria bellezza, la propria femminilità come la sentiamo… e tutto ciò malgrado le responsabilità, le regole sociali o le origini. Vuol dire essere quel che abbiamo voglia di essere, anche se il prezzo da pagare è alto: in termini di energia, è una spesa pazzesca…

Love in paris...

Are you enthralled by Paris but only have a few days to discover one of the most bewitching of capitals? Here is an idea of a romantic visit… Montmartre, Medici Fountain, hôtels particuliers (mansion houses) in the Marais...

La ragazza nella foto si chiama Alison Teal, ha trent'anni, è americana delle isole Hawaii e un paio d'anni fa si è lanciata in una sfida all'apparenza impossibile: fare del surfing nelle grotte sotterranee di Parigi…

Perché il bellissimo Boulevard des Italiens a Parigi si chiama così? Come è nata l'idea di intitolare agli italiani una delle più importanti arterie cittadine?

Se vi capita di recarvi a Parigi prima della fine di marzo, fate il possibile per regalarvi un'emozione unica: la mostra di César al Centre Pompidou. Vi starete chiedendo chi sia César e che cosa esponga in un luogo simbolo dell'arte: il Beaubourg di Parigi…

I cocktail bar proliferano nella capitale. Dal Marais a Belleville, Parigi è forse diventata la vulcanica capitale della Mixologia? Ecco i nostri indirizzi preferiti, in cui vivere un’esperienza da favola da “mixologi”, come dei parigini…

French is strange, you may be able to read it well but when you get to France you can't watch french tv or have a conversation with a neighbour! So, listening to French language songs can be very helpful with learning the French language. What the song says is more important than what the song sounds like. So French song is an excellent pedagogique way to learn, try hear with Yves Montand song, A Paris…

Avete quattro soluzioni per scegliere un ristorante a Parigi… Affidarvi al concierge dell’hotel, chiedere consiglio all’amico italiano che per ultimo è andato a Parigi, cercare in una guida… o chiedere consiglio a delle autentiche parigine come me!

Appassionato d’arte, pilota di aerei e praticante di meditazione, Pierre Farge  è vissuto a lungo in Argentina, negli Stati Uniti e in Italia. Ha gentilmente risposto alle nostre domande nel suo studio parigino del Trocadero. Per lui, la parigina è eterna, e assomiglia a quella meravigliosa giovane donna disegnata dal suo amico Kiraz…

Dal movimentato Boulevard Saint-Germain a un certo punto entri nelle viuzze del 6e, perché è lì che la vita parigina allegramente pulsa con mille gallerie d'arte, librerie, musica e bistrot, almeno in estate. Poi, il silenzio…

Nata a Milano, Barbara Albasio è sbarcata a Parigi trent’anni fa per motivi di studio... Oggi è una parigina a tutti gli effetti, una combinazione perfetta di eleganza, di bohème e di naturalezza. Una donna svelta e raffinata che passa in un attimo, scoppiando allegramente a ridere, dalla serietà alla leggerezza. Insomma, una parigina modello! Appassionata dell’art-de-vivre alla francese, la Ville Lumière continua ad affascinarla e ad infonderle ogni giorno un’energia nuova. Adoro il modo con cui descrive la sua “storia d’amore” con Parigi…

Massimo Nava divide la sua vita tra Milano e Parigi e nessuno meglio di lui ci potrebbe parlare della Parigi di oggi… Editorialista del “Corriere della Sera” da Parigi, Massimo Nava è stato inviato internazionale e corrispondente di guerra e autore di numerosi saggi. Dal 2009 ci offre quasi ogni anno un magnifico romanzo. Dopo il successo di Infinito amore, la passione segreta di Napoleone, Massimo ci offre un giallo appassionante: Il mercante di quadri scomparsi, appena uscito in Francia sotto il titolo Le nu au coussin bleu. Massimo, ci potrebbe parlare della Parigi di oggi? …

Provate a guardare una mappa generale di Parigi su cui sono segnati gli arrondissements, cioè i distretti amministrativi dei vari quartieri. Si parte dal 1er arrondissement, che è proprio il cuore della città, e girandogli intorno a spirale e in senso orario si completa tutta la chiocciola fino al 20ème, il ventesimo...

I BOUQUINISTES

Li avete visti senz'altro, passeggiando lungo la Senna a Parigi. La fila delle piccole botteghe aggrappate al parapetto in pietra del fiume si interrompe solo quando c'è un ponte e quindi un passaggio. Poi riprende, come se niente fosse, fino al ponte successivo. Sulla riva destra trovate i bouquinistes dal Pont Marie fino al Louvre. Sulla riva sinistra, dal Quai de la Tournelle al Quai Voltaire. In totale se ne contano circa 900! Ma chi sono, che cosa vendono, da quanto tempo esistono?

Un bellissimo film del 1983, con Gérard Dépardieu e Nastassja Kinski, La lune dans le caniveau, si ispirava all'immagine dell'astro d'argento riflessa nell'acqua che scorre in un cunicolo. Se cercate la traduzione in italiano della parola caniveau, resterete delusi e non ne scoprirete mai il fascino segreto. Ma se vi trovate a Parigi in una di quelle serate con la pioggia che si alterna al sereno, aspettate che le nuvole si dileguino...

Una storia di due caffè… Uno ineffabilmente chic, l’altro disperatamente superato. Adam Gopnik visita il Flore e il Deux Magots, pilastri della vita parigina, e riflette sulla crudeltà della moda.

Arriving in Paris: relaxing after your journey
Your have just arrived. It is important you rehydrate by drinking lots of water in order to avoid muscle stiffness. After hours on a plane, your feet suffer and your legs feel heavy and tired. Once you are settled, take off your shoes and do the following:

IN LOVE A PARIGI…

Amate Parigi, ma avete soltanto pochi giorni per scoprire i posti più romantici della Ville Lumière? Eccovi alcune idee per una visita suggestiva, all’insegna del romanticismo… Montmartre, la Fontana dei Medici, e poi le dimore nobiliari (in francese si chiamano hôtels particuliers) nel Marais…

Parigi, lo sanno tutti, va girata a piedi. Non c'è niente di meglio che girovagare per la città, senza curarsi troppo di avere una meta precisa. Si può decidere di andare a dare un'occhiata alla Défense, il più moderno dei quartieri cittadini, oppure di visitare i vecchi quartieri, come Saint- Germain-des-Prés nel 6° arrondissement….

Natale a parigi

Parigi viene addobbata di luci per le feste natalizie: uno spettacolo magico che vale veramente la pena di vedere.
L'inverno fa capolino: è il momento di approfittare in tutta tranquillità dei musei, delle mostre e altri eventi che animano il mese di dicembre. Ma la fine dell'anno è soprattutto l'arrivo delle festività natalizie che donano a Parigi un volto diverso: luminarie, mercatini... Uno spettacolo magico da non perdere!

The Eiffel Tower, Notre Dame de Paris, the Seine River emblematic sights that make the City of Lights so thrilling. Paris is timeless. It is the city of fashion, art, culture, glamour and romance. Paris, sang Maurice Chevalier “will always be Paris, the most beautiful city in the world!”. Paris is not just a dream vacation destination; it also an alluring place for a second home. A welcoming city par excellence, the French capital attracts foreign asset managers looking to acquire premium real estate, as well as globetrotters and Paris-lovers of every generation seeking a short term-or long-term home away from home. The more you get to know the city, the more time you want to spend here soaking up the atmosphere in typically Parisian neighborhoods, taking the time to appreciate French art de vivre, and making the city’s unique lifestyle your own. Buying or renting in the heart of Paris… Q&A with Thierry Chomel de Varagnes, Associate Director of Barnes International.

IIn the Ville Lumière as elsewhere, the absence of sunshine is synonymous with gloom and periods of depression. It’s really true: the barometer of our mood varies according to the whims of the sun. The proof is that, in Paris, where the gray is omnipresent, a sunny day is always a beautiful day…

Whether in Paris or elsewhere, the Parisian woman is keen on always being in the right place at the right time! Restaurants, bars, cultural or social events—she is aware of everything that is happening in her city and organizes her forays with savoir-faire.

Paris tours for couples in love! Suggestive paintings, sensual sculptures, cheeky bronze statues ...

Less than forty years old, but already an icon! Opened in 1977, the Centre Pompidou, often referred to as Beaubourg by Parisians, has become one of the liveliest and most visited attractions in the city. It’s a museum of course, but also a library, a place full of life, and with its multicoloured exterior designed by Renzo Piano, a unique monument in the heart of Paris. Six floors, unusual architecture and a view of the whole of Paris, which visitors love.

Everyone has their own way of being romantic! Here are some rides in Paris to choose from according to your romantic inclinations: aboard the iconic 2 CV, a Cruise on the Seine, a horse-drawn carriage, a pedicab and a tuk-tuk, a limousine or a bus…

Everyone has their own way of being romantic! While some might just enjoy sitting together on the terrace of the Café de Flore, others might prefer to stroll hand in hand through the maze of streets in the Latin Quarter or have their portrait drawn at Montmartre…

If you want to see Parisians during your stay in Paris, it ‘s better to choose a period off parisian holidays! If you want to visit parisian monuments and placet o be while in Paris, better to select a day off French feasts! Bank holidays and National school holidays mark out France’s annual calendar. Discover the dates of these holidays before organising your trip to Paris…

How can I thank you, all of you who were able to understand the immense grief of the French people after the attacks in Paris, showing us your support and your amazing love of Paris by the countless messages sent.  During these horrible days in January, I was in New York visiting the 9/11 Memorial and new museum devoted to the intolerable attack in 2011.  While my first reaction was sadness, I was gradually comforted by my admiration for these incredible tokens of love and solidarity that arrived from all over the world, often from strangers, distant relatives and from artists who expressed their grief in their works.   My friends from Canada, Rose and Herb come to Paris twice a year for a long three-week stay. Their love affair with Paris has lasted for more than 20 years and the City of Light, continues to fascinate them. The way they talk about it is one of the nicest things I’ve read these past weeks…

At the Musée d'Orsay, the Paris art museum housed in the former Orsay train station, Franco-Mexican tenor Rolando Villazón hosted an exceptional musical evening devoted to the capital. A number of prestigious artists came together to celebrate Paris, performing classical arias and legendary pop songs inspired by the City of Lights.

A meeting or interview with Michel Jouenne, one of the most prolific and gifted of his generation of French artists, is always a great moment, an honor and an immense pleasure. Indeed, this artist, who no longer needs any presentation, being so well known and recognized, among the panorama of contemporary artists, adds passion and color to each of his statements. For him, a landscape is like a woman to win over: you have to know how to surprise it, steal its ephemeral vision, a fleeting emotion, in order to be able to convey its soul on the canvas….

Every year, thousands of children song "Petit Papa Noël". This Christmas song, created in 1946 by Tino Rossi, is currently the best-selling single of all time in France, with over 5,711,000 units sold. The song has been covered by many artists over the years… so it could bee an excellent way to learn French and celebrate Christmas time! Just try this easy and pedagogic song before your next trip to Paris…

Among non-French citizens investing in Paris, 35% are non-residents who decide to buy or rent an apartment to have their own Parisian home away from home. Central Paris remains the top choice for well-off buyers, because the area is so authentic and packed with history. Buyers also love the style of the apartments there. Big or small, typical Parisian apartments are prized for their high ceilings, visible wooden beams, quaint moldings and cozy fireplaces. Q&A with Thierry Chomel de Varagnes, Associate Director of Barnes International (continued from our December 12th 2014 issue)

Paris One step ahead 2014. Paris stays one step ahead, and the future face of the capital for the 2020s gradually takes shape. The cultural scene is without doubt the destination’s strongest attraction with the opening of new venues, the reopening of prestigious sites and with events for every type of public. From museums to trendy bars, from galleries to palaces or design hotels, from monuments to sumptuous restaurants, Paris is more than ever a capital city that is in the public eye and which continues to surprise Parisians and visitors. There is a vibrant energy at every turn! Paris is set to become an even more creative capital.

My friend Barbara came to Paris thirty years ago… Passionate about French Art de Vivre, the City of Light continues to fascinate her and gives her each single days energy and renew for her job. In fact, Through her company Sensi, Barbara offers managers of multinational companies the opportunity to try their hand at an artistic experience to develop their personal creativity in order to enhance their business performances. She is a true Parisian, she loves Paris and its magic roofs, the changing colors, the textures and the creative harmony of the city. I asked her to describe her “love affair” with Parisian roof…

Every year, the two hendred trees of Avenue des Champs-Elysées in Paris become the framework for a unique set of illuminations running the whole 2½ kilometres from the Arc de Triomphe to Place de la Concorde, an ingenious lighting arrangement of scintillating festoons and tree-rings made of red, green, and blue. Learning the Champs Elysées song of Joe Dassin can bee an excellent way to learn French and celebrate one of the nicest avenue of the world! Just try this easy and pedagogique song before your next trip to Paris…

You can sense the excitement mounting in Parisians as they eagerly await the big switch-on date. The city’s Christmas lights are guaranteed to enchant people of every age and fill them with wonder at all the fairytale colours adorning the streets of Paris. Arcades of light, multicoloured stars, incandescent flames, twinkling projections, gorgeous backdrops to the capital’s broad avenues. The title of “Ville Lumière” takes on a whole new depth of meaning.

From one glass ceiling to another, the contemporary art bandwagon rolls into the familiar grounds of the Grand Palais, for the start of the annual FIAC art fair, 2014 October 22. This year the event hosted 68 galleries from 14 different countries, specializing in contemporary and emerging art. As usual, the fair was located across Paris. Its main gallery base was in the Grand Palais, with events in the Tuileries, the Jardin des Plantes, the Place Vendôme and on the banks of the Seine…

October 21 at 8 p.m., the place to be in Paris is the Opéra Garnier! I’m there with my fiancée Caroline to see Rain, the work by Anne Teresa de Keersmaeker, a major figure on the international choreographic scene. Sitting in the 15th row of the orchestra, Caroline is ultra elegant in her dress designed by Lagerfield for Chanel. All Paris is here. It’s just not possible to miss an opening night at the Opera, especially as it’s so difficult to be one of the happy few to receive an invitation. And, the evening will end with a platter of Oléron oysters at the Bar à Huîtres Garnier.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.