Parigi pullula di eventi e di divertimenti per i bambini ! Se molte sale da spettacolo propongono attività a loro dedicate (marionette, circhi, maghi, narratori o cantanti), anche i musei offrono delle belle sorprese, con grandi mostre dedicate all’infanzia. I ristoranti che si rivolgono ai bambini e che sanno accoglierli ? Ecco la mia selezione personale, menu per bambini, seggioloni, zona sosta per passeggini e carrozzine, spazio giochi per i più piccoli. Andare al ristorante con i bambini non sarà più un incubo per voi. Per una « 3 giorni » a Parigi con bambini di età dai 7 ai 12 anni, o molto più piccoli, ho trovato per voi due link veramente al top…

French is strange, you may be able to read it well but when you get to France you can't watch french tv or have a conversation with a neighbour! So, listening to French language songs can be very helpful with learning the French language. What the song says is more important than what the song sounds like. So French song is an excellent pedagogique way to learn, try hear with Sous les Ponts de Paris song…

Se siete a Parigi e avete programmato una visita alla cattedrale di Notre-Dame, prima di entrare fermatevi a guardare in alto verso le torri e la maestosa facciata. Scoprirete, accanto alle grondaie che sporgono dai tetti, una quantità di mostruose creature di pietra con sembianze di animali inesistenti, orribili e spaventosi, che sembrano in qualche modo evocare il Diavolo. Perché, che ci crediate o no, sembra proprio che il Maligno abbia partecipato all'edificazione della cattedrale parigina…

Se cercate una traduzione per la parola francese canopée in un qualsiasi dizionario, non la troverete. Evitate quindi di cercare un'ipotetica canopea in italiano. Se andate a Parigi, invece, potete togliervi lo sfizio di vedere dal vivo che cos'è una canopée o canopea…

Are you enthralled by Paris but only have a few days to discover one of the most bewitching of capitals? Here is an idea of a romantic visit… Montmartre, Medici Fountain, hôtels particuliers (mansion houses) in the Marais...

La ragazza nella foto si chiama Alison Teal, ha trent'anni, è americana delle isole Hawaii e un paio d'anni fa si è lanciata in una sfida all'apparenza impossibile: fare del surfing nelle grotte sotterranee di Parigi…

Perché il bellissimo Boulevard des Italiens a Parigi si chiama così? Come è nata l'idea di intitolare agli italiani una delle più importanti arterie cittadine?

Se vi capita di recarvi a Parigi prima della fine di marzo, fate il possibile per regalarvi un'emozione unica: la mostra di César al Centre Pompidou. Vi starete chiedendo chi sia César e che cosa esponga in un luogo simbolo dell'arte: il Beaubourg di Parigi…

French is strange, you may be able to read it well but when you get to France you can't watch french tv or have a conversation with a neighbour! So, listening to French language songs can be very helpful with learning the French language. What the song says is more important than what the song sounds like. So French song is an excellent pedagogique way to learn, try hear with Yves Montand song, A Paris…

Dal movimentato Boulevard Saint-Germain a un certo punto entri nelle viuzze del 6e, perché è lì che la vita parigina allegramente pulsa con mille gallerie d'arte, librerie, musica e bistrot, almeno in estate. Poi, il silenzio…

Massimo Nava divide la sua vita tra Milano e Parigi e nessuno meglio di lui ci potrebbe parlare della Parigi di oggi… Editorialista del “Corriere della Sera” da Parigi, Massimo Nava è stato inviato internazionale e corrispondente di guerra e autore di numerosi saggi. Dal 2009 ci offre quasi ogni anno un magnifico romanzo. Dopo il successo di Infinito amore, la passione segreta di Napoleone, Massimo ci offre un giallo appassionante: Il mercante di quadri scomparsi, appena uscito in Francia sotto il titolo Le nu au coussin bleu. Massimo, ci potrebbe parlare della Parigi di oggi? …

Tutti gli anni, numerose esposizioni, talvolta di provenienza internazionale, vengono ospitate nei principali musei della capitale: qui di seguito una selezione degli eventi imperdibili della stagione 2018 e una panoramica della stagione 2019. Il successo dell’offerta culturale di Parigi è ormai un dato di fatto…

I BOUQUINISTES

Li avete visti senz'altro, passeggiando lungo la Senna a Parigi. La fila delle piccole botteghe aggrappate al parapetto in pietra del fiume si interrompe solo quando c'è un ponte e quindi un passaggio. Poi riprende, come se niente fosse, fino al ponte successivo. Sulla riva destra trovate i bouquinistes dal Pont Marie fino al Louvre. Sulla riva sinistra, dal Quai de la Tournelle al Quai Voltaire. In totale se ne contano circa 900! Ma chi sono, che cosa vendono, da quanto tempo esistono?

Un bellissimo film del 1983, con Gérard Dépardieu e Nastassja Kinski, La lune dans le caniveau, si ispirava all'immagine dell'astro d'argento riflessa nell'acqua che scorre in un cunicolo. Se cercate la traduzione in italiano della parola caniveau, resterete delusi e non ne scoprirete mai il fascino segreto. Ma se vi trovate a Parigi in una di quelle serate con la pioggia che si alterna al sereno, aspettate che le nuvole si dileguino...

Una storia di due caffè… Uno ineffabilmente chic, l’altro disperatamente superato. Adam Gopnik visita il Flore e il Deux Magots, pilastri della vita parigina, e riflette sulla crudeltà della moda.

Mai sentito parlare del Kir ? Godetevi una pausa nella vostra passeggiata per i boulevard di Parigi e prendete posto a un tavolino della terrasse di un bar. Il cameriere, sempre inappuntabile con il suo lungo grembiule stretto in vita, come tutti coloro che servono nei bar e nei ristoranti francesi, vi darà il benvenuto e vi chiederà che cosa può servirvi…

Parigi, lo sanno tutti, va girata a piedi. Non c'è niente di meglio che girovagare per la città, senza curarsi troppo di avere una meta precisa. Si può decidere di andare a dare un'occhiata alla Défense, il più moderno dei quartieri cittadini, oppure di visitare i vecchi quartieri, come Saint- Germain-des-Prés nel 6° arrondissement….

French is strange, you may be able to read it well but when you get to France you can't watch french tv or have a conversation with a neighbour! So, listening to French language songs can be very helpful with learning the French language. What the song says is more important than what the song sounds like. So French song is an excellent pedagogique way to learn, try hear with Sous les Ponts de Paris song…

Béatrice, Brigitte, Catherine, Cécile, Chantal, Charlotte, Isabelle, Marion, Nicole and Maxime – the entire Sophie the Parisian team – wish you a wonderfully Happy New Year.  Since Sophie came into being, many, many of you have followed us, thanks to all of you!  2015 marks an important landmark for us – the book SOPHIE LA PARIGINA in Italian is coming out in the 1st quarter followed by SOPHIE THE PARISIAN in English in the second half of the year.  Above all else, our aim will be to amuse you, help you decipher the Paris lifestyle and reveal the very latest secrets of a Parisian girl.  Wishing you all a very Happy New Year - Sophie.

Beatrice Brigitte, Catherine, Cecilia, Chantal, Charlotte, Isabelle, Marion, Nicole e Maxime, tutta la squadra di Sophie The Parisian vi augura un bellissimo e felicissimo anno. Siete stati molti, moltissimi, a seguirci dopo la nascita di Sophie, grazie di cuore! Per noi, il 2015 sarà un appuntamento importante, con l'uscita, nel 1º trimestre, del libro SOPHIE LA PARIGINA, in italiano e, nel 2º trimestre, del libro SOPHIE THE PARISIAN, in inglese. La nostra mission sarà sempre e comunque divertirvi e informarvi, per raccontarvi la vita parigina e svelarvi i segreti di una parigina dei giorni nostri. Buon anno a tutti da Sophie.

Every year, thousands of children song "Petit Papa Noël". This Christmas song, created in 1946 by Tino Rossi, is currently the best-selling single of all time in France, with over 5,711,000 units sold. The song has been covered by many artists over the years… so it could bee an excellent way to learn French and celebrate Christmas time! Just try this easy and pedagogic song before your next trip to Paris…

Paris One step ahead 2014. Paris stays one step ahead, and the future face of the capital for the 2020s gradually takes shape. The cultural scene is without doubt the destination’s strongest attraction with the opening of new venues, the reopening of prestigious sites and with events for every type of public. From museums to trendy bars, from galleries to palaces or design hotels, from monuments to sumptuous restaurants, Paris is more than ever a capital city that is in the public eye and which continues to surprise Parisians and visitors. There is a vibrant energy at every turn! Paris is set to become an even more creative capital.

Every year, the two hendred trees of Avenue des Champs-Elysées in Paris become the framework for a unique set of illuminations running the whole 2½ kilometres from the Arc de Triomphe to Place de la Concorde, an ingenious lighting arrangement of scintillating festoons and tree-rings made of red, green, and blue. Learning the Champs Elysées song of Joe Dassin can bee an excellent way to learn French and celebrate one of the nicest avenue of the world! Just try this easy and pedagogique song before your next trip to Paris…

You can sense the excitement mounting in Parisians as they eagerly await the big switch-on date. The city’s Christmas lights are guaranteed to enchant people of every age and fill them with wonder at all the fairytale colours adorning the streets of Paris. Arcades of light, multicoloured stars, incandescent flames, twinkling projections, gorgeous backdrops to the capital’s broad avenues. The title of “Ville Lumière” takes on a whole new depth of meaning.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.