PARIGI È UNA CHIOCCIOLA

Provate a guardare una mappa generale di Parigi su cui sono segnati gli arrondissements, cioè i distretti amministrativi dei vari quartieri. Si parte dal 1er arrondissement, che è proprio il cuore della città, e girandogli intorno a spirale e in senso orario si completa tutta la chiocciola fino al 20ème, il ventesimo...

chiocciola4Il territorio occupato dalla città è vastissimo, oltre 100 kmq con più di 2.000.000 di abitanti, senza contare l'aire urban, cioè l'hinterland su cui vivono circa 11 milioni di persone. Per questo motivo, fin dall'antichità si decise di dividere amministrativamente la città in tante circoscrizioni, corrispondenti più o meno ai vari quartieri. Già dal 1702 Parigi contava 20 quartieri, 2 villaggi e 14 sobborghi.

Nel 1795 si procedette a dividere la città in 12 arrondissements. di cui 9 sulla Rive Droite (Riva Destra) della Senna e 3 sulla Rive Gauche (Riva Sinistra). Fu soltanto intorno al 1860, sotto il regno di Napoleone III, che si attuò l’attuale divisione in 20 arrondissements, ognuno dei quali ha un suo municipio, con un suo consiglio ed un suo sindaco.

chiocciola3

Il nome di ognuno di questi dipartimenti viene ripreso da un monumento, da una istituzione, da un edificio celebre. Ecco per esempio i quartieri di Montmartre, di Saint Germain, dell'Opéra, del Marais o del Louvre, per citarne solo alcuni.

Poi c'è il municipio principale, l'Hôtel de Ville, che si trova nel 4ème Arrondissement ed è la sede del primo cittadino, il sindaco di Parigi, che dal 2014 è una donna, Anne Hidalgo. C'è da dire che Parigi è amministrata molto bene, tutto funziona alla perfezione, le strade sono pulite, il traffico è scorrevole e i servizi pubblici sono efficienti.


E il merito di tutto ciò non è solo degli amministratori della città, ma anche dei cittadini, parigini e parigine,di ogni razza, fede e colore. Che volete di più?

chiocciola2


© Foto in alto iStock
© Frederic Poletti

Maxime - Art & Culture

Bonjour, my name is Maxime. I obtained my name because my grandmother always took me to Maxime’s in Paris for my birthday, always in the company of her best girlfriend! When I was fourteen years old, I was already enamoured with their Parisian chatter. Now, when with friends, I know everything about the art of invisible make-up and light cocktails! The Parisian really has a very distinct character: she’s surprising and interesting. And she’s so feminine! As for invitations, it a real task: each day Paris offers new exhibitions, previews and vernissages. With a Parisian, you absolutely have to be in the right place at the right time!

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.