IL RINASCIMENTO DI PARIGI… DA MASSIMO NAVA, Editorialista del “Corriere della Sera” da Parigi

Massimo Nava divide la sua vita tra Milano e Parigi e nessuno meglio di lui ci potrebbe parlare della Parigi di oggi… Editorialista del “Corriere della Sera” da Parigi, Massimo Nava è stato inviato internazionale e corrispondente di guerra e autore di numerosi saggi. Dal 2009 ci offre quasi ogni anno un magnifico romanzo. Dopo il successo di Infinito amore, la passione segreta di Napoleone, Massimo ci offre un giallo appassionante: Il mercante di quadri scomparsi, appena uscito in Francia sotto il titolo Le nu au coussin bleu. Massimo, ci potrebbe parlare della Parigi di oggi? …

nava2Che cosa è cambiato dal periodo di presidenza di Hollande e degli attentati e l’arrivo di Emmanuel Macron? La Francia si è risvegliata?

« E’ cambiata la sensibilità dei parigini e più in generale dei francesi. E’ un importante fattore psicologico al di là dei dati reali dell’economia, della sicurezza, del miglioramento delle condizioni di vita. Con Hollande la Francia si percepiva triste e sfiduciata, con Macron allegra e ottimista. Di conseguenza, la psicologia collettiva influenza l’informazione, incoraggia le imprese, migliora l’immagine del Paese. Hollande era il simbolo del declino, Macron del successo e della rinascita. E’ ancora presto per sapere se alle emozioni seguiranno risultati consolidati nel tempo. Di sicuro, l’energia e la forza politica di Macron hanno creato le condizioni per la svolta che i francesi aspettavano, ma da osservatore della Francia da molti anni ricordo che si avvertiva lo stesso entusiasmo all’inizio dell’era Sarkozy ».

Molti ammirano la forza di carattere di Emmanuel Macron, che è dappertutto, sempre sorridente ma deciso. Non è questo che i Francesi si aspettavano, un po’ di autorità sorridente “Une main de fer dans un gant de velours” (Pugno di ferro in guanto di velluto)?

« I francesi non si aspettavano questo, perchè in verità lo vogliono da sempre, perchè questa è la sola concezione che amano dello Stato, del potere, del governo dai tempi del Re Sole e di Napoleone. Ai francesi non piacciono governi e leader deboli, rissosi, indecisi, vogliono essere governati, vogliono essere protetti, vogliono esaltare l’immagine di se stessi, soprattutto nel mondo e sulla scena internazionale. Per questo apprezzano Macron. Perché ha ridato un ruolo forte alla Francia in Europa e sulla scena internazionale. Anche se i sondaggi non sono poi cosí favorevoli e le condizioni in cui è stato eletto non rispecchiano completamente le forze politiche e sociali in campo. ».

Qual è il ruolo di Brigitte Macron in questo “rinascimento” della Francia?

«Mi sembra esagerato parlare di Brigitte per un ruolo nella rinascita. Credo sia una brava première dame, più attenta, più misurata e meno bling bling di Carla Bruni (di Hollande non possiamo dire nulla perchè l’Eliseo è stato un luogo di passaggio anche sotto questo profilo). Credo che Brigitte faccia il suo lavoro di consigliera con sensibilità e senso della misura, ma ho l’impressione che Macron prenda le decisioni da solo, dopo avere ascoltato le persone vicine, ma non troppo».

nava3Che cosa le piace di più nella vita parigina?

«Le passeggiate all’aria aperta, i giardini curati (in foto Les Tuileries), le grandi esposizioni, la possibilità di continue scoperte».

Che pensa della sindaca di Parigi, Anne Hidalgo?

«Non mi piace perché ha creato più caos e inquinamento che vantaggi con la chiusura dei quais. E’ una scelta ideologica e radicale che penalizza chi lavora, i cittadini delle periferie e gli anziani. Inoltre i quais sono deserti di giorno, bui e pericolosi di notte. D’inverno anche peggio!  Era meglio la chiusura nei week end. In conclusione una scelta insensata. Mi chiedo perché nessuno ne parli e Macron non faccia nulla. In fondo è anche la sua capitale».

Ha parlato nei suoi romanzi di donne che hanno avuto un ruolo importante nella storia. Come potrebbe giudicare la donna parigina moderna?

«E’ molto diversa dalle italiane e dalle donne mediterranee, nel senso che mi sembra sempre molto sicura del fatto suo in tutti i campi.  Ho l’impressione che tenga un po’ nascosti romanticismo, femminilità, fragilità. La seduzione c’è, ma secondo regole e tempi stabiliti da lei.  Per noi uomini italiani è un rompicapo».

ll suo ultimo libro Le nu au Coussin Bleu, pubblicato in Francia dalla casa editrice Les Falaises e in Italia dalla Mondadori sotto il titolo Il mercante di quadri scomparsi, parla del famoso quadro di Modigliani scomparso in circostanze misteriose, perché questo libro?

«Avevo voglia e ispirazione per un polar ma cercavo un soggetto fuori dagli schemi Classic! Nel mio libro il rififi è il desiderio di possedere la bellezza dell’arte!».

Massimo Nava


nava4nava4IL MERCANTE DI QUADRI SCOMPARSI

di Massimo Nava (lingua italiana) – Mondadori

 

LE NU AU COUSSIN BLEU

di Massimo Nava (lingua francese) – Les Falaises

 

 Il potere di un dipinto maledetto.
“Le indagini del commissario Bastiani sulla morte di un mercante d’arte stregato da una tela di Modigliani sono al centro del romanzo di Nava. Tutta la storia ruota intorno a uno splendido e inquietante capolavoro, un «Nudo di donna», opera di quel genio tormentato che fu Amedeo Modigliani. Esistono due versioni accertate di quel simbolo del Novecento, che incarna la lampeggiante, famosissima intuizione di Jean Cocteau: «Quando un’opera d’arte sembra in anticipo sul suo tempo, è vero invece che il tempo è in ritardo rispetto all’opera». E vedremo come e perché. La modella Lunja Czeckowska è distesa, le braccia sono raccolte dietro la testa, in primo piano c’è la pelle dei seni e l’ascella non rasata, un sorriso enigmatico. Erotismo puro. Scena ripetuta con altri cuscini e su diverse tele”. Paolo Conti, Giornalista presso il « Corriere della Sera ».


© Foto di Massimo Nava
© Foto  DR.

Read 3185 times
Maxime - Art & Culture

Bonjour, my name is Maxime. I obtained my name because my grandmother always took me to Maxime’s in Paris for my birthday, always in the company of her best girlfriend! When I was fourteen years old, I was already enamoured with their Parisian chatter. Now, when with friends, I know everything about the art of invisible make-up and light cocktails! The Parisian really has a very distinct character: she’s surprising and interesting. And she’s so feminine! As for invitations, it a real task: each day Paris offers new exhibitions, previews and vernissages. With a Parisian, you absolutely have to be in the right place at the right time!

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

carita-orizzontale    vancleef-orizzontale
     

ORDER THE BOOK NOW

libro-rizzolilibro-rizzoli
.

Edizione Italiana

Edita da RIZZOLI, Sophie la Parigina è una guida di stile moderna su PARIGI. Illustrata dai disegni di Alessandra Ceriani, completata da un elenco degli indirizzi preferiti dalla parigina e arricchita di ricette gastronomiche.

 

English Edition

Published by RIZZOLI New York, Sophie the Parisian'sis a modern life style guide about PARIS. Illustrated with color drawings, complemented by a list of Parisians' favorite locations and enriched with gastronomic recipes.

 
By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.