sophieintroHello,
I am Nathalie, the author of Sophie the Parisian's. But who is Sophie? She is a Parisian woman from head to toe. She knows Paris and its art de vivre like the back of her hand. She can talk and talk about Paris and the Parisian life and culture for hours: elegance, gastronomy, fashion, education, seduction, and personality of the so-called perfect Parisian woman.

Read more

Buongiorno,
Sono Nathalie, l'autrice di Sophie la Parigina. Ma chi è Sophie? E' una parigina dalla testa ai piedi e conosce Parigi e la sua art-de-vivre come le proprie tasche. Può comunicare e parlare per ore di Parigi, della vita e della cultura parigine, sa tutto dell’eleganza, della gastronomia, della moda, dell’educazione, della seduzione e della personalità di queste parigine da molti ritenute perfette... Attraverso questo sito e i suoi libri, Sophie svela ...

Scopri di più

In an increasingly machine-oriented society, artists are even more interested in robots since artificial intelligence is shaping human lives and even artwork: its production, its exhibition, its diffusion, its conservation, its reception.

Since 1764 Baccarat has written the chapters of its remarkable history in sparkling letters. Founded in Lorraine, by permission of King Louis XV, the world’s most famous Crystalworks has, over the ages, become a symbol of superb craftsmanship and French Art de Vivre. The name Baccarat reverberates like an echo of outstanding pieces, extraordinary places and unforgettable parties.

Sotto forma di purè, al gratin, saltata in padella, bollita, la patata è molto apprezzata dai palati raffinati dei francesi, che esigono soprattutto la qualità. Ho conosciuto la Bonnotte a Parigi, una sera di maggio, in un famoso caffè di Saint-Germain-des-Prés. La Parigi che conta era riunita lì per celebrare l’arrivo del famoso tubero nella capitale e per degustarlo, “noblesse oblige”, rivestito da una semplice ostrica, anch’essa appena sbarcata da Noirmoutier, sua isola natia.

Figlia di un diplomatico, Michela Bruni Reichlin è cresciuta cittadina del mondo. Metà svizzera e metà napoletana, combina la precisione e la correttezza verso il prossimo con uno slancio creativo e geniale. Dietro l’aspetto di giovane donna vestita alla moda, trucco sempre perfetto e tacchi vertiginosi, si nasconde il carattere determinato e pratico di chi si è fatto da solo ed una esploratrice sempre pronta a nuove avventure !

Emma Meston è una creatrice di gioielli diversa dalle altre. Questa artista ha dato vita alla propria tecnica, che appartiene ai  mestieri d’arte: la Smaltatura. Una sottile trina di filo di rame italiano, stagnato e sottoposto a bagni particolari, lavorata a mano, ingloba delle madreperle, delle pietre semi-preziose, inserti di pezzi da collezione e cristalli della Maison Swarovski. Le sue creazioni, realizzate completamente a mano in lunghe ore di lavoro minuzioso, sono dei capolavori, dei veri “gioiellini” di delicatezza. «Adesso, espongo le mie creazioni in un e-shop e vendo in tutto il mondo». Incontro con un’artista che lavora sulla scia dell’ispirazione.

Eh sì, le Parigine hanno le spiagge anche a Parigi, Paris-Plage, e il “savoir-vivre” e il comportamento da avere con gli altri sono fondamentali nell’educazione francese: le vacanze sono sinonimi di riposo e di relax, senza dimenticare mai la buona educazione. Ecco alcune regole base che deve rispettare una parigina quando sta sulla spiaggia, che sia a Biarritz, in Bretagna o sulla Costa Azzurra.

Ho conosciuto Giuseppina Sansone al Circolo dei Lettori alla presentazione del libro di Nathalie Peigney “Sophie la Parigina”. Era seduta in prima fila e la sua eleganza raffinata e ricercata spiccava in un pubblico già molto elegante. In effetti si occupa di moda, è consulente d'Immagine e Personal Shopper. Ci parla di eleganza e di Parigi.

Tutti i melomani si danno appuntamento nella capitale per approfittare appieno di eventi musicali al cento per cento. Con il ritorno delle giornate soleggiate e delle temperature miti, Parigi punta su attività “en plein air”, all’aperto. La Fête de la Musique, il 21 giugno, celebra in pompa magna il ritorno dell’estate…

Il leggendario tennista Novak Djokovic condivide con René Lacoste i valori di eleganza sportiva, di fairplay e di tenacia. È diventato il “Nuovo Coccodrillo Lacoste”. Questa è la storia di un marchio divenuto un’icona e di una camicetta conosciuta in tutto il mondo. Creata come capo da vestiario con alto comfort per i tennisti, la polo – su cui è applicato il famoso coccodrillo – si impone come un elemento iconico dell’abbigliamento moderno. Ecco la cronaca di un successo inaspettato.

L’hachis Parmentier è un piatto al gratin a base di purè di patate e di macinato di carne di manzo. Questo piatto tradizionale francese sarebbe nato a Parigi, e la tradizione vuole che il suo nome sia dovuto al farmacista Antoine Parmentier, che lo propose a Luigi XVI, nella convinzione che il tubero, ossia la patata, sarebbe stato un rimedio efficace contro la carestia. Quando ero bambina, questo piatto non mi piaceva per niente, perché in un “hachis” [macinato] (termine che si richiama al fatto che gli ingredienti sono macinati), non riuscivo a vedere bene cosa stavo mangiando… Oggi, invece, come molte delle mie amiche parigine, adoro questo piatto, che del resto ha ritrovato le sue patenti nobiliari nelle numerose birrerie della capitale che lo propongono. Ecco la mia ricetta.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following this link.